LA VOCE DEL CUORE

Chi sono

 

Sono cantante, insegnante di canto, canto-terapeuta, trainer di artisti e facilitatrice di tecniche energetiche. Amo il canto e mi appassiona la ricerca costante della sua ‘frequenza’ creativa e curativa sull’essere umano.


    Nella mia attività d’insegnante di canto alleno l’allievo professionista e non professionista alla tecnica, all’espressività, a come stare su un palco, a quali emozioni esprimere e a come trasmetterle al pubblico, a sciogliere blocchi e ad utilizzare tecniche per stare bene: sentirsi rilassati, centrati e presenti a se stessi.


 

  

Sono creatrice e sviluppatrice de “LA VOCE DEL CUORE”, un cammino dentro se stessi alla scoperta dell’Essere Vibrazione/Suono/Verbo.

La Voce del Cuore è un canto che agisce sulle sinapsi, portando nuove possibilità di visione e apertura per poter allinearsi con la propria Essenza e andare verso il proprio Dono profondo e interiore. Mostra la via per nuovi cambiamenti, nuove consapevolezze agendo a livello profondo sulle cellule: uno strumento che permette di accedere a campi vibrazionali più elevati.
 
La Voce del Cuore è uno strumento di guarigione a livelli che ancora sono poco conosciuti. Ogni ascolto lascia un imprinting che permette all’ascoltatore di camminare verso il suo dono in modo autonomo e consapevole, per essere davvero protagonista della sua vita.
Porta nuova conoscenza e allarga il campo di coscienza e consapevolezza.
 
Anna Chiara è lo strumento attraverso il quale si può creare un nuovo collegamento tra il visibile e l’invisibile, tra il mondo come lo vediamo oggi e il mondo com’è realmente. Ha la capacità di aprire gli occhi verso una qualità di vita possibile che ancora non è manifesta e difficile da comprendere e immaginare. Lei  aiuta ad accedere in modo gradevole, armonioso e apparentemente semplice ad una nuova apertura di cuore, di suono, di ascolto e di trasformazione, dando spazio sempre di più nella tua vita: alla luce, al suono, all’amore, all’ascolto, alla gioia divina che è dentro di te.
 
La Voce del Cuore è immenso amore che nasce dalla matrice.
Anna Chiara, con il suo canto, porta i suoni che sciolgono la materia per mostrarti ciò che c’è dietro, per mostrarti ciò che è e la sua limpidezza, fluidità, armoniosità.
 
La Voce del Cuore riconosce la tua splendida essenza, padronanza di te e dolcemente ti offre un piano di consapevolezza elevato da accogliere e far risuonare ogni giorno sempre di più nella tua vita.
 
 

Nell’Universo ogni cosa emette una sonorità.

Ci sono lunghezze di frequenza d’onda differenti a seconda delle specie ed io percepisco e traduco queste frequenze in canto e le trasformo (dove c’è disarmonia) con il canto.

Se ci fermiamo ad ascoltare la musica che esce dal Cuore di ogni essere vivente ciò contribuisce a ristabilire il legame animico tra tutte le specie e a rinforzare la griglia cristallina intorno al Nostro pianeta, oltre che ad ampliare la forza dell’Amore Sacro Universale.

Se poi ciò che vibra è in grado di cantare o suonare…ascoltiamolo, se invece si tratta di un vegetale o minerale possiamo tradurne il canto e la musica, per dare voce alle emozioni.

 Credete, è un momento Sacro incredibile. 

Io sono qui per ricordare a chi lo desidera,

come si fa…

Contattando la nostra melodia più intima e profonda, accediamo a sensazioni, mondi, linguaggi che ci permettono di ricordare chi siamo.

La Voce del Cuore ci ri-accorda con il suono archetipo, con il Suono della Creazione, portando la nostra Essenza in uno spazio vibrazionale di totale benessere in comunione con tutto l’Universo.


In questi tre anni ho collaborato con la My Life (Cd ‘Emotional Sound’), con Macro – Diapason Booking: apertura dell’evento italiano 2013 di Gregg Braden, con Anima Eventi: Convegno sulla Medianità e con N.A.M.E. come relatrice al ‘Simposio della Consapevolezza’ 2012, 2013 e 2014.

La Voce del Cuore è attualmente presente in Italia e all’estero a Losanna, Zurigo, Lugano, Bruxells e Bucarest, con Concerti Vibrazionali, work-shop e Coaching individuali.

Amo la vita ed assaporo ogni istante con gratitudine e gioia. Ringrazio Dio per il grande dono ricevuto,  che ho scelto di condividere con gli altri.

 

Vorrei condividere qui uno scritto di un musicoterapeuta straordinario…perché si adatta perfettamente alla Voce del Cuore:

APSIS dal greco classico, può essere tradotto letteralmente con la parola tocco o anche il senso di toccare.

Ma se leghiamo questa tattilità al concetto di ascolto musicale profondo, Apsis assume il significato di tattilità emotiva, di profonda aderenza interiore, di presa di contatto con se stessi, di sentimento legato all’abbraccio affettivo, di relazione intima, frutto di un’intuizione intelligente. Il corpo è il luogo di questo avvenimento totalizzante e benefico.

Ritengo che sia indispensabile tornare a scoprire la via dell’ascolto in senso acustico, cioè ricuperare la vicenda del “sentire”, come fatto corporeo, come un avvenimento di emotività tattile, come un sottile e raffinato spazio in cui, attraverso la vibrazione, riconosco il mio corpo e il suo aprirsi a se stesso e agli altri.

La Voce del Cuore è capace ‘di condurci verso quelle forme di ascolto che diventano il mezzo per entrare in un rapporto intimo con noi stessi. Nel tipo di ascolto profondo  che si propone, uno degli elementi essenziali è che il nostro corpo si trasforma in un DIAPASON VIVENTE, cioè in una struttura che vive risuonando.

La vibrazione come avvenimento vitale.

Ascoltare diventa una scelta di segretezza, la nostra intima decisione di spalancare le orecchie e il corpo, per fare accadere qualcosa dentro di noi, qualcosa di imprevisto che ci trasformi. Se questo accade si ha un risveglio delle emozioni e la nostra coscienza entra in una dimensione non ancora conosciuta.

Concentrarsi sull’ascolto, indipendentemente da ogni giudizio culturale sulla musica, significa ascoltarsi in profondità, cioè sentire, prima fisicamente e poi emotivamente, i cambiamenti che la musica stessa produce nel corpo e di conseguenza nel nostro modo di stare al mondo.

Sentire la musica con tutto il corpo – dice U. Galimberti – “come si possono sentire i baci e le carezze” ci consente di vivere la musica come un fatto vitale, soggettivo, altamente dinamico e non come un semplice oggetto culturale trasformato in un simbolo morto. Ascoltare in profondità la musica è ripercorrere la via di un sapere della materia, che alle nostre origini ha inciso le sue tracce incancellabili sul corpo, sulla superficie (la pelle) e nelle zone interne (il sangue e le viscere).

Immergerci totalmente nella musica è, di conseguenza, un aderire allo stato corporeo che si esprime con un’intensa sensazione di benessere.

Il piacere del benessere coinvolge l’esistenza nella sua totalità. Nel momento in cui il corpo ‘sente’, sono io che coincido con la sensazione, sono io che assaporo il mio corpo e assaporandolo in profondità, riconosco me stesso.

Quando la carezza della musica (la Voce del Cuore) ci toccherà fino in fondo e ci lasceremo invadere dalla calma, dal silenzio e dall’ascolto della vita che scorre, potremo forse comprendere che non ci sono due realtà, quella fisica e quella psichica, ma un unico modo di esistere, attraverso il quale abbiamo coscienza di noi stessi e del mondo.

Sarà il punto di partenza per un ulteriore viaggio, con cui, ascolto dopo ascolto, modificando gli stati di coscienza, risveglieremo del tutto la “corporalità animata” e saremo in grado di vivere pienamente il piacere ( e quindi il benessere) e, quando sarà il momento, di controllare il dolore in modo consapevole. Coscienti dell’esistenza del benessere e del piacere, faremo perno su questa certezza per riportare il corpo fuori dallo stato di dolore e di malattia. La coscienza di un perenne stato di alternanza e di trasformazione da un lato ci consentirà di essere gli artefici del nostro benessere e dall’altro ci permetterà una continua crescita interiore.’

F. Massara

GRAZIE DI CUORE

Continua